Comune di Agna – Gestione cimiteriale

Sintesi delle norme

Sintesi delle norme che regolano il rapporto tra cittadino e Amministrazione / Società di gestione.

Data:
28 Ottobre 2021

Sintesi delle norme

Sintesi delle norme che regolano il rapporto tra cittadino e Amministrazione / Società di gestione.

Generalità

Rif: contratto di concessione di project financing rep. 1421 in data 15 marzo 2007.

Il servizio di gestione, si propone di informare il cittadino sulle norme che regolano le operazioni svolte all’interno del complesso cimiteriale. Le operazioni con le quali il cittadino deve concludere una pratica cimiteriale vengono riassunte all’interno di questa sintesi. Per ulteriori chiarimenti o dubbi interpretativi si consiglia di rivolgersi alla Società di Gestione chiamando il Numero Verde Gratuito 800-77 47 84 da tutte le utenze di telefonia fissa.

Alcune operazioni possono essere svolte comodamente da casa semplicemente telefonando al numero verde; unica difficoltà è leggere attentamente queste semplici norme.

La concessione è la forma con cui l’Amministrazione Comunale concede al cittadino un diritto per l’uso di un bene, che rimane di proprietà Comunale per tutta la durata della concessione; il cittadino ha il dovere di curare il bene dato in concessione così come se fosse di sua proprietà.

Cosa fare quando si verifica un decesso

Il cittadino/utente interessato si deve recare presso gli sportelli dell’anagrafe comunale per denunciare il decesso; l’Ufficiale di Stato Civile rilascerà il certificato di morte.

Il cittadino dovrà poi telefonare al numero verde 800 -77 47 84 e un operatore gli rivolgerà alcune domande:

  1. cognome e nome del defunto
  2. data di nascita e decesso del defunto
  3. luogo di nascita e residenza del defunto
  4. cognome e nome, grado di parentela della persona a cui si farà riferimento per tutte le operazioni relative (il cittadino/utente diventa concessionario)
  5. data e luogo di nascita del concessionario o suo codice fiscale
  6. residenza del concessionario
  7. recapiti telefonici (telefono fisso e/o cellulare)

Il concessionario dovrà indicare dove porre il feretro del defunto; le tipologie di concessioni sono:

  1. Sepoltura a terra per un periodo di almeno 10 anni (tale operazione viene chiamata inumazione)
  2. Sepoltura a terra per un periodo superiore a 10 anni
  3. Sepoltura in loculo (tale operazione viene chiamata tumulazione) durata 30 anni
  4. Sepoltura in tumulo
  5. Sepoltura in cappella gentilizia o in tomba di famiglia.

Per l’inumazione è necessario che il feretro sia esclusivamente in legno.

Per la tumulazione è necessario che il feretro sia in zinco opportunamente sigillato e rivestito da una cassa in legno massiccio (feretro).

Ogni tipologia di concessione, esclusa l’inumazione a terra decennale, ha la sua corrispondente tariffa approvata dal Comune che sarà esposta nella bacheca all’ingresso del cimitero.

All’esterno del cimitero è esposta una mappa con indicate le posizioni dove è possibile inumare o tumulare una salma. Il concessionario ha la possibilità di scegliere dove porre il feretro compatibilmente con le disponibilità del momento.

Se il concessionario desiderasse optare per una tipologia di concessione di cui non è disponibile il manufatto, potrà essere richiesta una tumulazione provvisoria. Tale tumulazione provvisoria avrà la durata massima di 3 anni; oltre tale data la concessione provvisoria diventerà definitiva.

E’ possibile prenotare un loculo anche in vita, purché l’età del richiedente non sia inferiore a 55 anni, con tariffa maggiorata del 50%, oppure qualunque età se si tratta di persona che vive sola e senza parenti o in cagionevole stato di salute, senza maggiorazione della tariffa. E’ altresì possibile prenotare un loculo vicino (gemello) per il coniuge o parente del deceduto,  fino al 1° grado di parentela. Non sarà possibile prenotare concessioni per inumazione a terra. La durata della concessione decorre dalla data della tumulazione; per il secondo dei loculi gemelli e per le concessioni in vita la decorrenza della concessione avviene dal momento della sepoltura; in tale caso il concessionario o suoi aventi diritto saranno tenuti a versare la tariffa di concessione in vigore al momento della tumulazione dell’ultima salma previo rimborso sull’importo della tariffa precedentemente versato rapportato al periodo della concessione residua (Reintegro di concessione). Il pagamento potrà essere effettuato presso gli sportelli postali o presso qualunque sportello bancario, entro 15 giorni successivi la prenotazione, in unica soluzione o in tre rate. Al ricevimento del pagamento verrà inviata fattura quietanzata al cittadino-concessionario. La sottoscrizione del contratto avverrà successivamente il pagamento,  su convocazione, presso la sede che verrà comunicata al momento della convocazione. Il concessionario dovrà provvedere all’iscrizione sulla lapide del nome e cognome nonché la data di nascita e decesso del defunto entro tre mesi dalla data di tumulazione.

Cosa fare quando si verifica il decesso del titolare della concessione

Occorre in questo caso volturare la concessione in carico al defunto a nome del nuovo soggetto concessionario. Una semplice telefonata al numero verde 800 -77 47 84 e l’operatore provvederà ad avviare la pratica; successivamente, il nuovo titolare sottoscriverà la voltura delle concessioni del defunto diventando così titolare delle concessioni. L’importo stabilito per le volturazioni potrà essere versato presso gli sportelli postali o presso qualunque sportello bancario.

Per allacciare la luce votiva

Telefonare al numero verde gratuito 800 -77 47 84 e comunicare i dati anagrafici all’operatore il quale indicherà gli importi da versare presso gli sportelli postali o presso qualunque sportello bancario; al riscontro dell’avvenuto pagamento un operatore provvederà al collegamento del cavo e al montaggio di una lampada LED; il contratto di fornitura luce ha la stessa durata della concessione; il contratto di consumo e manutenzione  può avere durata biennale, quinquennale (5 anni) o multipli, o unica (30 anni); ad ogni scadenza verrà inviato un bollettino con indicato l’importo da corrispondere che potrà essere pagato presso gli sportelli postali o presso qualsiasi sportello bancario.

Se non funziona la lampadina

Telefonare al numero verde gratuito 800 -77 47 84 e comunicare il nome del defunto e il numero della sepoltura per cui è necessario l’intervento di manutenzione della lampada votiva. L’intervento di manutenzione sarà effettuato entro 7 giorni dalla comunicazione. Nessun pagamento sarà dovuto per tale operazione.

Cosa fare quando scade la concessione

Entro gennaio di ogni anno verrà esposto presso il cimitero e presso l’albo pretorio comunale l’elenco dei defunti per i quali è in scadenza la concessione. Generalmente la rimozione dei resti mortali sarà effettuata nei mesi di novembre-dicembre successivi per cui i concessionari avranno tutto il tempo per decidere se rimuovere i resti e deporli nell’ossario o se rinnovare la concessione. Entro settembre dovranno essere presi contatti con la Società di Gestione telefonando al numero verde  800 -77 47 84 per comunicare l’operazione che si intende effettuare; con il pagamento della relativa tariffa e la sottoscrizione del nuovo contratto, il concessionario potrà rinnovare la concessione di altri 20 o 30 anni. Oltre tale termine la Società di Gestione provvederà a comunicare ai concessionari l’imminente scadenza della concessione e informare sulla data per la rimozione dei resti e il loro deposito presso l’ossario comune se mineralizzati. Le operazioni di esumazione (rimozione salma a terra) ed estumulazione (rimozione salma da loculo o tumulo) sono a carico del concessionario il quale dovrà provvedere al pagamento della somma relativa presso gli sportelli postali o presso qualsiasi sportello bancario.

Cosa fare per ottenere la concessione di un ossario, di un tumulo o di una cappella gentilizia

 Sono disponibili a tutti i cittadini concessioni diverse dal loculo. Chi intendesse  acquistare un tumulo o una cappella gentilizia già edificata, o intendesse realizzarla a proprie spese, deve richiedere la concessione di un’area cimiteriale. Solo l’area è soggetta a concessione, mentre la struttura realizzata o da realizzarsi diventa di proprietà. Telefonando al numero verde 800 -77 47 84 l’operatore Vi illustrerà tutte le tipologie di concessioni disponibili all’interno del cimitero. Ogni concessione ha durata diversa, ad esempio:

  1. OSSARIO, singolo o doppio (mezzo loculo), con durata 50 anni, rinnovabile;
  2. AREA PER TUMULO  A TERRA: singola con durata 15 anni, doppia con durata 25 anni, rinnovabile;
  3. AREA PER TUMULO,  CAPPELLA GENTILIZIA, CAPPELLA A SCHIERA con  durata 70  anni rinnovabile.

Per spostare un defunto anche in altro cimitero

Qualora un cittadino desideri spostare la salma di un proprio caro da un posto ad un altro all’interno del cimitero, occorre fare una richiesta di spostamento salma. Il periodo per lo spostamento va da ottobre ad aprile. Possono essere spostate salme da maggio a settembre, in casi eccezionali e con il consenso dell’ufficiale sanitario. Se un feretro deve essere spostato in altro cimitero, occorre ottenere l’autorizzazione del Responsabile del Servizio del Comune; occorre contattare una ditta di trasporti speciali in possesso dell’autorizzazione (solitamente una ditta di onoranze funebri). Il feretro può essere trasportato solo se integro altrimenti deve essere avvolto in una contro cassa di zinco opportunamente sigillata.  Telefonando al numero verde  800 -77 47 84  l’operatore vi informerà delle modalità da seguire per lo spostamento della salma e della relativa tariffa. Anche le tariffe per lo spostamento delle salme sono stabilite dalla Giunta Municipale.

Per le concessioni perpetue o di durata superiore a 90 anni

Non esistono più concessione perpetue dal  10 febbraio 1976. Le concessioni perpetue o di durata superiore a 90 anni  concesse in precedenza possono essere revocate per motivi di pubblico interesse trascorsi almeno 50 anni dalla tumulazione dell’ultima salma. Qualora vi siano salme tumulate con data inferiore a 50 anni il Comune o la Società di Gestione provvederà affinché sia concessa una idonea sepoltura fino alla scadenza del periodo di concessione. Le operazioni di rimozione delle salme da una concessione revocata sono a carico del Comune.

Per segnalare lamentele sul servizio di gestione del cimitero

Ogni cittadino ha il diritto di segnalare disservizi o lamentele riguardanti la gestione all’interno del cimitero comunale. Basta telefonare al numero verde 800 -77 47 84 e l’operatore provvederà a registrare la lamentela o segnalazione; se la segnalazione riguarda un disservizio provvederà a comunicare quanto segnalato all’interessato del servizio stesso; se la segnalazione riguarda altri aspetti verrà inviata al Responsabile del Servizio cimiteriale e potrà avere risposta entro i tempi previsti dai Regolamenti Comunali.

Diritti e doveri del cittadino in relazione alle concessioni cimiteriali

Il Comune ha l’obbligo di fornire al cittadino un posto all’interno del cimitero comunale per  la tumulazione o inumazione di una salma. La salma rimane comunque in carico al concessionario con tutte le responsabilità che ne conseguono.

La Società di Gestione ha l’obbligo di mantenere il pubblico decoro all’interno del cimitero, di far rispettare gli orari di apertura e chiusura del cimitero stesso, di eseguire la manutenzione ordinaria e straordinaria sui manufatti cimiteriali. Il concessionario ha l’obbligo di mantenere curata la propria lapide compresi gli accessori installati; se possessore di una tomba privata dovrà curare la manutenzione ordinaria e straordinaria. Se la tomba privata dovesse essere in pessimo stato di manutenzione, la Società di Gestione ha l’obbligo di segnalare tale situazione; in presenza di inerzia del concessionario, sarà la Società di Gestione a  provvede a proprie spese, salvo addebitare il costo al concessionario. La concessione è un diritto all’uso del loculo o posto salma, per cui in caso di rinuncia per spostamento salma anche prima della scadenza della concessione, questa tornerà automaticamente nella disponibilità del Comune-Società di Gestione previo rimborso al concessionario sull’importo della tariffa precedentemente versata rapportato al periodo di concessione residua.

Per maggiori dettagli, si vedano il Regolamento di polizia mortuaria e le deliberazioni Comunali.

Ultimo aggiornamento

28 Ottobre 2021, 07:48